• Spedizione gratuita da 45 €
  • Reso gratuito entro 30 giorni
  • Più di 8.000 articoli

Quando preoccuparsi se il gatto dorme troppo

Che i gatti dormano molto durante il giorno è un fatto non preoccupante: i gatti sono infatti dei cacciatori e normalmente quelli semiliberi vanno in cerca delle loro prede all’alba e al tramonto, se non proprio di notte. Motivo per cui è fisiologico che passino buona parte delle ore di luce a sonnecchiare in quello che non è un vero e proprio sonno ma più una condizione di riposo. Lo stesso comportamento non deve preoccupare nemmeno per i gatti da appartamento che non hanno bisogno di cercare il cibo ma, dopo aver mangiato, possono rilassarsi e digerire in santa pace nel loro angolino preferito.

Il gatto è eccessivamente letargico

Tuttavia se si ha la sensazione che il proprio gatto dorma troppo, o sempre, o comunque più delle sue normali abitudini, è forse il caso di preoccuparsi e cominciare a fare attenzione alle sue abitudini: la tendenza alla letargia può essere infatti sintomo di qualche problema ed è il caso di osservare i comportamenti del proprio gatto nel loro insieme.

Se oltre a dormire sempre o troppo il gatto è inappetente, ha problemi a urinare o defecare, non vuole giocare e non risponde agli stimoli abituali, o peggio ha tosse se non vomito o diarrea, allora è il caso di interpellare prontamente il proprio veterinario di fiducia.

Un gatto con la febbre dorme sempre

La febbre potrebbe essere l’altro sintomo, insieme al fatto di dormire sempre, di una malattia in corso o in incubazione nel nostro gatto. Si potrebbe trattare di infezioni virali o batteriche, di infiammazioni come la cistite che lo induce a stare accucciato tutto il tempo, di un’insufficienza renale con l’innalzamento dell’uremia, o ancora di diabete, le cui cause possono essere le più diverse.

Cosa fare se il gatto dorme troppo

Quando il gatto dorme eccessivamente sicuramente è importante osservare i suoi comportamenti nel loro complesso: se oltre al dormire a lungo non ci sono altre abitudini anomale può non essere il caso di preoccuparsi (potrebbe solo essere che mal tollera qualche novità in casa, come l’arrivo di un altro Pet o di un bambino neonato); altrimenti è bene rivolgersi prontamente al proprio veterinario affinché proceda con un’indagine medica approfondita.