• Spedizione gratuita da 45 €
  • Reso gratuito entro 30 giorni
  • Più di 8.000 articoli

I gatti soffrono la mancanza dei proprietari?

Che i gatti siano animali più indipendenti per esempio dei cani è opinione diffusa e confortata non solo dalle esperienze di proprietari di animali ma anche da numerose ricerche scientifiche. Ma finora non si era mai verificato quanto i gatti soffrono la mancanza dei loro proprietari: se un cane lasciato solo per troppo tempo può sporcare e fare danni in casa, perché vede i proprietari come fonte di sicurezza e il legame con loro una specie di attaccamento sicuro, non era ancora chiaro se, quanto e come i gatti soffrono la frustrazione della mancanza dei loro proprietari.

I gatti non soffrono la mancanza dei loro proprietari

Per capire se e quanto i gatti soffrono la mancanza dei loro proprietari un gruppo di ricercatori della University of Lincoln ha preso 20 felini e ne ha osservato il comportamento in un ambiente non consueto o famigliare in 3 situazioni diverse: con il proprietario, con un estraneo e da soli. Ciò che volevano capire i ricercatori erano sia il livello di attaccamento dei gatti ai proprietari che gli eventuali segnali di stress o sofferenza da allontanamento.

Come reagiscono i gatti lasciati da soli

A parte qualche miagolio in più quando lasciati soli o in presenza di estranei, la ricerca non ha individuato segnali particolari di attaccamento o frustrazione e sofferenza da abbandono da parte dei gatti coinvolti nell’osservazione. Insomma, i gatti lasciati da soli non sentono la mancanza dei proprietari e, parimenti, in compagnia degli umani non si sentono più al sicuro.