Si avvicina il periodo delle vacanze estive e anche i proprietari di cani cominciano a pensare a qualche viaggio in compagnia di Fido. Ma se, restando in Italia, i problemi potrebbero essere quelli di trovare strutture ricettive che accolgano anche i cani, quando si decide di andare all’estero è importante controllare per tempo i documenti richiesti per l’espatrio e quali razze di cani non possono andare all’estero. Ci sono infatti paesi che precludono l’ingresso ad alcune razze di cane, come stabilito dal regolamento (UE) 576/2013 del Parlamento e del Consiglio Europeo, in vigore dal 29.12.2014, che stabilisce anche come, per poter viaggiare con il proprio cane e gatto in Europa, sia necessario il passaporto UE per animali, una vaccinazione antirabbica in validità e l’identificazione dell’animale tramite microchip.

> Leggi anche: I cani possono viaggiare in treno sia con Trenitalia che con Italo

Ma appunto, quali razze di cani non possono andare all’estero?

E quali sono vietate nel paese prescelto per le vacanze?

In Germania è vietato introdurre cani provenienti dall’estero delle razze Pitbull-Terrier, American Staffordshire Terrier, Staffordshire Bullterrier, Bullterrier e i loro incroci. È vietato inoltre l’ingresso di altre razze in base alle disposizioni della Regione federale in cui il cane dovrebbe essere allevato.

In Gran Bretagna alcune delle razze non accettate sono Pitbull-Terrier, Japanese Tosa, Dogo Argentino e Fila Brasileiro.

Dal luglio del 2010 in Danimarca sono considerate pericolose 13 razze, il cui mantenimento, allevamento e ingresso è esplicitamente vietato. Tra queste troviamo: Pitbull Terrier, Tosa Inu, American Staffordshire Terrier, Fila Brasileiro, Dogo Argentino, Bulldog Americano e Kangal.

> Leggi anche: I consigli per viaggiare in macchina con il cane

Il regolamento completo circa i viaggi in Europa con gli animali da compagnia si trova sul sito www.eur-lex.europa.eu; sul Maxi Zoo Magazine di maggio 2016, in distribuzione gratuita in tutti i punti vendita Maxi Zoo si può trovare invece un approfondito articolo su come organizzare le ferie con i Pet e con l’indicazione di tutti i documenti, le profilassi, le vaccinazioni e i divieti di ingresso per gli animali nei Paesi europei.

Commenti

commenti