È successo questo: sul sito di social news Reddit un papà anglosassone ha pubblicato la foto del contratto fatto sottoscrivere ai figli che desideravano un cucciolo di cane. 13 punti che stabiliscono diritti, doveri e obblighi nella gestione quotidiana del cucciolo e nei modi in cui la famiglia si dovrà relazionare con il cane, e che possono insegnare alcune cose a chiunque desideri adottare un cane.

Ecco allora le 13 regole del contratto sottoscritto dai figli e dal papà prima dell’arrivo di Kershaw.

1. Raccogliere le deiezioni. Sempre

Giusto, giustissimo. I cani fanno i loro bisogni, è inevitabile, e per quanto li si possa educare a farli in un posto specifico e non in casa, in ogni caso occorre pulire, sempre e comunque. Ed è giusto abituare i bambini a farlo fin da subito.

> Leggi anche: del perché bisogna raccogliere i bisogni dei nostri cani

2. Il cane è educato a fare i bisogni in un determinato posto (e non devono rimanere per terra)

Vedi punto 1: è giusto che il cane sia educato, e che lo sia con i metodi appropriati: se una famiglia è alla prima esperienza di adozione di un cane domestico è bene che si faccia aiutare da uno specialista in educazione canina, almeno per gli aspetti più elementari della convivenza con l’animale, dai bisogni al guinzaglio.

> Leggi anche: 7 errori da non commettere nell’educazione di un cucciolo di cane

3. La taglia del cane

Il papà del contratto è preoccupato delle dimensioni dell’animale, ma più che del peso è bene preoccuparsi del carattere dell’animale e dello stile di vita della famiglia: scegliere un cane da adottare non è una cosa banale, come spiegano gli esperti di PetPRO, gli specialisti di pet care, durante gli incontri nei punti vendita Maxi Zoo.

> Leggi anche: Gli incontri con gli esperti PetPRO

4. Niente peli in giro

Questo in effetti può essere un problema, e anche qui si torna al punto 1: non è colpa del cane, ed è giusto abituare i figli a occuparsi del cucciolo, anche collaborando ai mestieri di casa.

> Leggi anche: Come convivere sotto lo stesso tetto con i nostri amici animali

5. Il cane non deve sbavare

Ci sono cani che per loro natura sbavano, e non è colpa loro, e cani che invece non lo fanno: si torna al punto 3: scegliere il cane adatto al proprio stile di vita e alle proprie abitudini non è una cosa banale e da fare d’impulso. Prima di adottare un animale è importante informarsi circa le sue caratteristiche: è un atto d’amore anche nei suoi confronti.

6. Il cane non graffia il pavimento

Idem come sopra: vedi punti 3 e 5.

7. Il cane deve essere lavato se puzza

Il pelo del cane, in determinate circostanze, può emanare cattivi odori. Per questo è importante prevedere una regolare toeletta, senza però esagerare.

> Leggi anche: Come fare una corretta toelettatura a Fido

8. Ogni disastro in casa verrà risolto con i sistemi più appropriati

Il papà in questione è un po’ esagerato: il cane può sporcare in casa, ma da qui a mettere nero su bianco che nel caso si useranno bombe chimiche ce ne passa…

> Leggi anche: Il cane in casa da solo fa danni? I consigli per abituarlo alla nostra assenza

9. Il papà ha il potere di veto sul nome

Ma perché?

10. Tipo di alimentazione

Il papà in questione pone il veto a cibo organico, gourmet o dietetico, imponendo che il mangime tradizionale va bene. Ma la cosa veramente importante è che qualunque alimentazione si scelga per l’animale, questa deve essere appropriata alla sua età, alla sua taglia, alle sue abitudini e al suo stile di vita.

> Leggi anche: Cibo industriale o cucina casalinga? Cosa dare da mangiare al cane

11. Un cane è un cane, non un figlio o un fratello

Giusto: con tutto l’affetto e l’amore che un cane prova per i suoi proprietari, e viceversa, non bisogna mai dimenticare che un cane rimane un cane e che è giusto rispettarne la natura.

12. Il nome del cane non deve comparire nelle cartoline d’auguri di Natale

Vedi punto 9

13. I bambini promettono di non innamorarsi mai del cane o, al contrario, di annoiarsi. Tutte le parti concordano che il cane è una responsabilità primaria dei figli per tutta la sua vita.

Giusto: adottare un cane è una scelta per tutta la vita, non una moda del momento o l’impulso di un attimo. Ed è importante che tutta la famiglia sia consapevole che si tratta di una responsabilità da assumere con amore e impegno per tutta la sua vita.

Commenti

commenti