Le temperature si stanno abbassando, l’inverno è alle porte e con esso anche i primi veri freddi: con il gelo e la neve è quindi importante preoccuparsi di proteggere i nostri canarini, soprattutto se normalmente vivono in gabbie posizionate all’esterno.

Gli sbalzi di temperatura, le correnti d’aria e anche l’umidità eccessiva che ristagna in alcuni angoli delle nostre case potrebbero infatti essere letali per i nostri piumati, favorendo l’insorgere di malattie se non addirittura esponendo i nostri canarini a shock così violenti da risultare fatali.

Gli uccelli da compagnia possono vivere all’esterno anche in inverno

In linea generale gli uccelli da compagnia possono vivere tranquillamente anche con temperature che si avvicinano allo zero, purché ovviamente siano abituati a stare all’aperto e purché la gabbia sia riparata dalle correnti e dalle intemperie: se il nostro uccellino gonfia le piume e appare più pigro e letargico del solito, è il segnale che il freddo è eccessivo e occorre rimediare prontamente.

La soluzione più immediata è quella di portare la gabbietta all’interno dell’abitazione, prestando però attenzione a evitare di posizionarla in punti troppo rumorosi, a contatto con vapori ed esalazioni come quelle della cucina o del bagno e in generale in luoghi troppo affollati.

Leggi anche: Dove posizionare in casa la gabbia del canarino

Come riparare la gabbia dei canarini dal freddo

In alternativa si può provvedere a riparare la gabbia, soprattutto se si vive in zone in cui ragionevolmente la temperatura non diventa mai eccessivamente fredda come nel Mezzogiorno o nelle zone costiere d’Italia.

L’esposizione a sud permette sempre di guadagnare qualche grado di temperatura sulle pareti delle nostre abitazioni, e già questo è un primo accorgimento che può risultare utile. È importante poi riparare la gabbia su almeno 3 lati e su quello superiore da spifferi, correnti eccessive e in generale intemperie: è bene utilizzare del materiale isolante – come plexiglas, nylon o polistirolo, che si possono acquistare nei negozi di fai da te – ed evitare il cartone, che trattiene l’umidità e veicola anche parassiti.

Leggi anche: Come scegliere la voliera per gli uccelli

Arieggiare la gabbietta nelle belle giornate

Quando poi capitano delle belle giornate soleggiate è utile arieggiare la gabbietta, anche rimuovendo per qualche ora il riparo permettendo al sole e alla circolazione dell’aria di asciugare l’inevitabile umidità invernale.

Infine con l’inverno è anche utile arricchire la dieta dei nostri volatili, rivolgendosi al proprio veterinario di fiducia per calibrare al meglio l’apporto nutrizionale da proporre ai nostri uccellini, e soprattutto preoccuparsi che dentro la gabbietta ci sia sempre acqua pulita e non ghiacciata da bere.

Leggi anche: Perché inserire osso di seppia e grit nella dieta degli uccellini

Commenti

commenti