“Carletto non tirare la coda al gatto!” recitava una canzoncina per bambini, il cui protagonista si divertiva a fare dispetti proprio a tutti, animali compresi.

Ebbene sì, se il rapporto tra i cuccioli d’uomo e quelli a quattro zampe ha qualcosa di magico, occorre impostarlo sulla base di alcune regole basilari.
È fondamentale, ad esempio, che gli adulti siano presenti sin dai primi approcci tra il pet di casa e il bambino. Sono proprio mamma e papà, infatti, a vegliare su quello che di sicuro diventerà un amore di lunga durata.
Come per ogni convivenza che si rispetti, è importante che ci sia rispetto reciproco. L’esuberanza tipica dei bambini potrebbe spaventare il cane o il micio. Ecco perché spetta ai genitori far capire al piccolo che tirare la coda o le orecchie agli amici pelosetti rischia di spaventarli. Niente mosse brusche o urla improvvise: l’amore per il prossimo va trasmesso sin dalla tenera età. Perché non approfittare per coinvolgere anche Micio e Fido?

Come avviene nel regno animale, è tutta questione di naso: se il vostro animale domestico è già in casa quando nasce un bambino, l’amicizia tra loro può essere agevolata dal gesto di annusarsi. Come? Basta avvicinare un indumento del neonato al vostro cucciolo, affinché inizi a familiarizzare con lui.

Risultato? Il vostro bimbo e il suo nuovo amico a quattro zampe non saranno più come cane e gatto.

Commenti

commenti