Premesso che la felicità non si misura (altrimenti che felicità sarebbe?) c’è però chi ha voluto provare a dare una risposta all’annosa questione se rende più felice un cane o un gatto. Come riporta il Daily Mail, i ricercatori del Manhattanville College di New York son partiti da un punto fermo: chi vive con un animale è in assoluto più soddisfatto della propria vita rispetto a chi non vive le gioie della convivenza con un Pet.

E però presentando i dati della ricerca condotta su 263 adulti di età compresa tra 19 e 68 anni alla Society for Personality and Social Psychology Convention di San Diego hanno anche mostrato come i proprietari di un Fido avessero ottenuto punteggi più alti rispetto ai proprietari di gatti in tutti i parametri di benessere misurati: ovvero più felici, meno nevrotici e più concentrati.

Non bastasse lo studio USA e dividere i dog lover dai cat lover è intervenuta anche la BBC che la sera del 4 febbraio 2016 ha messo in onda su BBC Two il documentario ‘Cats V Dogs’ secondo il quale non solo i cani ci rendono più felici ma addirittura essi stessi sono più contenti di stare in nostra compagnia rispetto ai gatti.

Alcuni ricercatori hanno infatti misurato il livello di ossitocina presente nel sangue di cani e gatti sia prima che dopo essere stati in compagnia dei “loro umani”: l’ossitocina è nota anche come “ormone dell’amore” perché, per esempio, registra degli incrementi del 60% quando un umano vede il proprio partner o il proprio bambino, e così avverrebbe anche nei nostri Fido e Micio, seppur con percentuali ben diverse.

Un cane che passa del tempo con il suo padrone registra mediamente un incremento del 57% di ossitocina nel sangue, mentre un gatto ” solo” del 12%.

Ma alla fine, davvero, possiamo misurare la felicità che ci regalano i nostri amici animali? E soprattutto lo possiamo fare con le fredde percentuali della chimica?

Commenti

commenti