La convinzione è abbastanza diffusa: sottopongo il mio cucciolo di cane a un training con un addestratore ed educatore certificato ed esperto e sono a posto per sempre. Falso, così come sono false tutta un’altra serie di convinzioni che riguardano il training dei cuccioli di cane e che, a lungo andare, possono portare a incomprensioni con il proprio animale, a momenti di nervosismo e difficoltà e in generale a un rapporto poco sereno con il nostro Fido.

Eccoli allora i 7 miti da sfatare ed errori comuni da non commettere quando si tratta di training dei cuccioli di cane.

I cuccioli non hanno bisogno di essere educati a stare con altri cani perché tanto non vengono aggrediti

È una convinzione molto diffusa quella per cui un cucciolo che si approccia a un cane adulto non verrà mai aggredito proprio in quanto cucciolo: questa cosa è vera solo finché resta nella cucciolata protetta dalla madre, ma non appena il piccolo esce da questa condizione protetta diventa a tutti gli effetti un esemplare come gli altri. Non esiste infatti un’inibizione al morso da parte degli adulti verso i cuccioli, e anzi questi ultimi con la loro vivacità potrebbero stimolare reazioni rabbiose da parte di cani adulti poco pazienti.

> Leggi anche: Cosa fare nei primi giorni con un cucciolo di cane in casa

Una volta fatto il training il cane non dimentica più i comandi

Falso: i comandi, come seduto, fermo, zampa, etc devono essere esercitati continuamente e frequentemente altrimenti anche il nostro cucciolo se li dimentica come noi dimentichiamo un sacco di cose. Non solo: ci sono anche fasi della vita del nostro cane, per esempio la pubertà, in cui potrebbero manifestarsi comportamenti incoerenti con tutto quanto imparato in precedenza: ecco allora che non solo è bene tener fresca la memoria di quanto appreso nel training ma talvolta può essere utile ripeterlo in alcuni momenti di bisogno.

> Leggi anche: Gli incontri con gli esperti PetPRO

Il guinzaglio serve per la correzione

Si tratta di un vecchio metodo correzionale secondo il quale un colpo di strattone al guinzaglio serve per abituare il cane all’obbedienza: non solo si tratta di una filosofia vecchio stampo superata da nuove metodologie di training “positivo”, ma è anche un pericolo per la salute e il benessere dell’animale (basti pensare ai colpi di frusta o alla laringe del nostro animale). Meglio tenerne conto quando si sceglie l’esperto per educare il nostro cane.

> Leggi anche: Incontro tra cani: meglio con il guinzaglio o senza?

I cani non devono salire su letti e divani

Non è vero in assoluto, ma dipende da noi. E se anche talvolta gli concediamo di salire non è detto che quel via libera sarà per sempre. L’importante è che il nostro cane salga su letti, divani, poltrone e ogni altro spazio “delicato” solo quando siamo noi a dirglielo, e che non li consideri suo spazio esclusivo e di proprietà.

> Leggi anche: Cosa ci dice la posizione in cui dorme il nostro cane

Ci sono razze più facili da educare, e altre più difficili

I Labrador sarebbero dolci e mansueti, i setter da caccia non potrebbero stare senza guinzaglio, altre razze sono aggressive per natura: nulla di tutto questo è vero. Ogni cane, indipendentemente dalla razza, può e deve essere educato tenendo conto delle sue caratteristiche individuali. E il successo dipenderà dalla costanza e dal metodo con cui è educato, non dalla razza di appartenenza.

> Leggi anche: Dove sono stati addomesticati i primi cani della storia?

Il nostro cane può saltarci addosso quando siamo vestiti male ma non quando siamo eleganti

E come può un cane distinguere un look trasandato o sportivo da quello elegante? Ma soprattutto: una pretesa del genere è altamente contraddittoria e porta il nostro cane a dubitare della nostra figura di capo branco. Se non vogliamo che il nostro cane ci metta le zampe sugli abiti dobbiamo escludere questa possibilità in ogni situazione. Altrimenti tollerare il fatto che qualche giacca e qualche tailleur finiranno vittime delle sue zampe.

> Leggi anche: Odore di cane in casa, che fare?

I cani della stessa razza non si attaccano tra di loro

Affinità o avversione nei cani non dipendono dalla razza ma da fattori individuali. È vero che cani della stessa razza possono avere spesso comportamento simili e linguaggio del corpo simile, ma ciò non significa che non avranno mai contrasti tra di loro, e l’importante è stabilire con il nostro cane una relazione coerente, stabile e positiva.

Nel caso di dubbi è possibile scrivere agli esperti veterinari di Maxi Zoo ai seguenti indirizzi:

Indirizzo sede e contatti

Via XXV Aprile, 5 20016 Pero – MI

Oppure

www.maxizoo.it/contatta l’esperto

Commenti

commenti